loading...

Le luci da studio nel ritratto dei bambini 1° – Ritratto di neonato con flash

20 Maggio 2015

Il Ritratto di neonato può tranquillamente essere affrontato in sala di posa con l’ausilio della luce flash.

PH. Silvia Moioli - luci da studio
PH. Silvia Moioli

L’occhio del bimbo piccolo é in realtà completamente formato e pronto per affrontare ampi sbalzi di luce, pertanto non sussistono impedimenti fisiologici o rischi medici per questo tipo di approccio, certamente però, come accade anche nei bimbi di qualche mese, esiste una certa sensibilità individuale alla luce ed una eventuale irritabilità. Il modo più corretto per fotografare neonati e bimbi piccoli senza infastidirli, ed ottenere quindi i migliori risultati possibili, è di tenere una buona illuminazione con lampade continue in sala di posa: ciò consente di non passare dalla penombra alla luce piena ad ogni scatto.

Ph. Michela Magnani - luci da studio
Ph. Michela Magnani

Anche le luci Pilota dei flash lasciate a potenza alta sono un’ ottima soluzione… nel caso in cui non fossero regolabili o non sufficientemente potenti, potete illuminare lo studio con normali luci continue (alogene o ad incandescenza) per creare l’effetto giorno. Detto questo, si passa alla regolazione della potenza: normalmente é bene impostare il flash mediamente basso e fare degli scatti test con il neonato già posizionato in modo di valutare la reazione individuale. Lo scopo è quello di ottenere un’illuminazione che vi piaccia, che sia sufficiente ad utilizzare il diaframma che intendete usare e al contempo evitare che il colpo di luce possa svegliare il bimbo, oppure se sveglio possa indurlo a chiudere forzatamente gli occhi o a farlo spaventare. Fatto il primo test con le luci da studio e valutata la sensibilità del piccolo potrà essere necessario abbassare la potenza… di conseguenza si dovrà agire sul diaframma o sulla sensibilità, ma essendo generalmente più piacevoli le foto scattate con diaframma aperto, questo tipo di variazioni non pregiudicano in alcun modo il lavoro del fotografo.

Ph. Anna Bussolotto - luci da studio
Ph. Anna Bussolotto